Autore: Isabella Carrasco

Fiducia nelle istituzioni e organizzazioni: banche e Governi più affidabili

Aumenta la fiducia in alcuni settori e istituzioni. In particolare, le aziende farmaceutiche, le banche e i Governi ora sono considerati maggiormente affidabili rispetto a tre anni fa.
Secondo il Global Trustworthiness Monitor di Ipsos, a livello internazionale, il 31% degli intervistati considera le aziende farmaceutiche degne di fiducia, percentuale in aumento rispetto al 25% registrato nel 2018. Allo stesso modo, il 28% ritiene che le banche siano maggiormente affidabili rispetto a tre anni fa (20%), mentre il livello di fiducia nel proprio Governo è passato dal 14% al 20%. Al contrario, l’affidabilità delle aziende tecnologiche è diminuita dal 38% al 34%, nonostante continui a classificarsi come il settore maggiormente affidabile tra quelli presi in considerazione da Ipsos.

Le opinioni degli italiani 

In generale, l’Italia registra percentuali simili a quelle internazionali. Le aziende tecnologiche si posizionano al primo posto della classifica, con il 36% (+2% rispetto alla media internazionale) che le ritiene affidabili. A seguire, con la medesima percentuale internazionale (31%), gli italiani ripongono fiducia nelle aziende farmaceutiche. Ma a differenza della media internazionale, che pone le banche come settore maggiormente affidabile (28%) dopo aziende tecnologiche e farmaceutiche, in Italia il terzo posto è occupato dalle aziende automobilistiche (24%). Le banche invece si collocano al 6° posto (21%), dopo i servizi pubblici (23%) e il Governo (22%)

Le differenze tra i Paesi

Nonostante siano la patria di molte delle principali aziende tecnologiche del mondo, gli Stati Uniti sono uno dei pochi Paesi in cui gli intervistati sono più propensi a ritenere le aziende tecnologiche inaffidabili (29%) che affidabili (27%). Gli Stati Uniti mostrano la più grande percentuale di disaccordo sul fatto che le aziende del settore tecnologico lavorino per prevenire la diffusione di false informazioni (31%), il che può influenzare le opinioni sull’affidabilità del settore stesso. I cileni invece si distinguono per la loro opinione sulle aziende farmaceutiche: soltanto il 12% le ritiene affidabili, mentre il 58% le giudica inaffidabili. Gli intervistati in Cina mostrano opinioni particolarmente positive nei confronti delle banche, con quasi due terzi (63%) che le considera affidabili rispetto all’11% che le ritiene inaffidabili.

Fiducia nei media: quali sono le fonti di informazioni più utilizzate?

Lo studio Ipsos evidenzia anche un minor livello di fiducia nei media, sia a livello internazionale (soltanto il 19% degli intervistati li ritiene affidabili), sia italiano (14%).
In media, a livello internazionale, le fonti di notizie più affidabili per fornire informazioni accurate su politica e attualità sono giornali, radio, televisione), così come i giornali online/siti/app di notizie, mentre la fiducia in altre fonti digitali è più bassa. Anche in Italia la maggioranza degli intervistati afferma di informarsi tramite la televisione (56%) e giornali online/siti/app di notizie (43%). Soltanto il 23% degli italiani dichiara di utilizzare i social media come fonte di informazione, la percentuale più bassa tra tutti i 29 Paesi esaminati.

Prestiti: crescono le richieste da parte delle famiglie italiane

Rispetto al 2020, anno pesantemente condizionato dai lockdown e da un clima di fiducia poco favorevole, le richieste di finanziamento da parte delle famiglie italiane sono cresciute complessivamente del 24%.
In particolare, il 2021 ha visto una crescita del 7,1% per le richieste di prestiti personali, e del 36,1% per i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi, che hanno registrato volumi decisamente superiori anche a quelli pre-crisi: la variazione rispetto al 2019 è infatti del +18,7%.
È quanto emerge dal Barometro del Credito alle Famiglie (fonte: Eurisc, il Sistema di Informazioni Creditizie gestito da Crif), che segnala come la ripresa dell’economia abbia contribuito all’aumento della propensione degli italiani a richiedere un prestito per sostenere consumi e progetti di spesa.

Più prestiti personali meno finalizzati: +3,3% e -6,8%

Per il secondo anno consecutivo l’importo medio dei finanziamenti richiesti, nell’aggregato di prestiti personali e finalizzati, segna una flessione e si attesta a 8.651 euro (contro i 9.124 euro del 2020 e i 9.512 euro del 2019).     
Crif fa notare che tuttavia occorre distinguere tra due dinamiche opposte. Per quanto riguarda i prestiti finalizzati, nel 2021 il valore medio richiesto è in calo a 6.249 euro (-6,8% rispetto al 2020), a conferma della tendenza a richiedere un finanziamento anche per acquisti di valore contenuto grazie a condizioni di offerta appetibili, mentre cresce a 12.909 euro quello relativo ai prestiti personali (+3,3%).

Fascia di importo: la preferenza va a valori inferiori a 5.000 euro

Relativamente alla distribuzione dei prestiti per fascia di importo, i dati confermano la preferenza degli italiani per valori inferiori ai 5.000 euro (53,5% del totale), seguiti dalle richieste comprese tra 10.001 e 20.000 euro (18,6%) e da quelle tra 5.001 e 10.000 euro (16,2%).
Quanto alla tipologia di finanziamento, le richieste di prestiti finalizzati vedono concentrare il 66,2% delle interrogazioni nella fascia al di sotto dei 5.000 euro.
Per i prestiti personali, invece, si rileva una distribuzione più uniforme tra le diverse classi di importo fino a 20.000 euro, con il 31% del totale che si concentra nella classe al di sotto dei 5.000 euro, il 25,7% in quella compresa tra 5.001 e 10.000 euro, e il 25,3% in quella tra 10.001 e 20.000 euro.

Aumenta il peso delle richieste da parte degli under 24

Osservando la distribuzione delle richieste di prestiti (personali e finalizzati) in relazione all’età del richiedente, il Barometro Crif evidenzia come nel 2021 la fascia compresa tra i 45 e i 54 anni sia stata quella maggioritaria, con una quota pari al 25,2% del totale, seguita da quella tra i 35 e i 44 anni, con il 21,3%.
Nel complesso, riferisce Agi, si conferma in crescita il peso dei giovani al di sotto dei 24 anni, che assorbono il 5,9% delle richieste totali contro il 5,6% dell’anno precedente, con un’accentuazione ancora maggiore nel caso dei prestiti finalizzati, per i quali l’incidenza arriva al 6,3% del totale.

Italia al 12° posto per account violati: nel 2021 più di 11 milioni

Nel 2021 circa un quinto dei navigatori con almeno una identità digitale si è visto sottrarre dai cybercriminali informazioni strettamente personali.
La sicurezza sul web non sembra essere una nostra prerogativa, e i dati sono preoccupanti: l’Italia è al dodicesimo posto tra i paesi del mondo per numero di account violati. In pratica, nel nostro paese solo nel 2021 sono stati 11,11 milioni gli italiani vittime di furto di dati e credenziali dai propri account da parte dei cybercriminali. Si tratta di un numero enorme, per quanto in netto ribasso rispetto allo scorso anno, quando gli account violati risultavano il 38,6% in più.
A dare l’allarme è uno studio effettuato da Surfshark, l’azienda operante nel settore della sicurezza online con sede nei Paesi Bassi, che all’interno del suo database Alert ha raccolto informazioni pubbliche sui cosiddetti ‘data breach’, le fughe di dati.

A livello globale più di 950 milioni di data breach

In termini di casi di fuga di dati sensibili e informazioni protette o confidenziali l’analisi del database di Surfshark Alert riporta un lieve peggioramento rispetto al 2020. Infatti, nei primi 11 mesi dell’anno in corso gli account violati hanno superato il numero di 950 milioni a livello globale. Sempre a livello internazionale, sono 4,66 miliardi le persone in tutto il mondo che utilizzano quotidianamente internet, e il report di Surfshark evidenzia che i primi cinque paesi con il maggior numero di violazioni di dati rappresentano più della metà di tutte le perdite avvenute nel 2021.

Usa, Iran e India in testa per numero di violazioni

In testa a questa ‘classifica’ si posizionano gli Stati Uniti, con un totale di 214,4 milioni di utenti violati. L’Iran è al secondo posto, con 156,1 milioni, seguito da India, con 86,6 milioni, Russia, 27 milioni, e Francia, con 24,6 milioni di utenti violati. A precedere l’Italia nella classifica delle violazioni ci sono Brasile, Regno Unito, Iraq, Corea del Sud, Cina e Canada.

Informazioni usate per phishing, false chiamate bancarie e furti di identità

“La crescita degli utenti violati è allarmante, considerando il danno reputazionale e finanziario che ne deriva – commentano da Surfshark -. I criminali possono usare le informazioni in varie attività illegali, come email di phishing, false chiamate bancarie e persino furto di identità. Pertanto, tutti gli utenti dovrebbero informarsi bene sulla privacy online e prendere misure preventive per proteggersi”.

Covid, l’industria tecnologica europea cresce più di prima

Con livelli di investimento ‘early-stage’ per la prima volta pari a quelli degli USA, e con un numero di nuovi unicorni in aumento, l’industria tecnologica europea sta crescendo più velocemente di quanto non facesse prima della pandemia, aumentando il proprio valore di 1 trilione di dollari soltanto nei primi 8 mesi del 2021. E nell’intero anno sono quasi 100 i miliardi di dollari investiti nell’industria tecnologica europea. Lo riferisce il report annuale del venture capital Atomico, che dal 2015 rilascia la propria analisi sullo Stato della tecnologia in Europa. Ma quali sono le tendenze in campo tecnologico per questo primo anno di ‘next normal’?

Cambia il profilo dei player

In Europa il numero totale di aziende tecnologiche che hanno scalato fino a 1 miliardo di dollari è salito da 223 nel 2020 a 321 nel 2021. I grandi round, oltre i 250 milioni di dollari, ora sono la norma, e sono cresciuti di 10 volte rispetto allo scorso anno, rappresentando il 40% del capitale totale investito. E le start up non sono mai andate meglio: l’Europa ha la sua pipeline ‘early stage’ più forte di sempre, con il 33% di tutto il capitale investito a livello globale in round fino a 5 milioni di dollari.
L’Europa diventa quindi la seconda regione a livello globale quando si tratta di investimenti, con un totale di 3,8 miliardi di dollari contro i 4,1 degli USA. 

Le IPO blockbuster sono diventate la norma

Nell’ultimo anno l’Europa ha visto aumentare di oltre 750 miliardi di dollari il valore del mercato tecnologico azionario, e attualmente si trova sopra i 2 trilioni di dollari. L’Italia ha raddoppiato la capitalizzazione del suo mercato tecnologico, toccando 26,6 miliardi entra di diritto nei i primi 10 paesi per capitalizzazione del mercato tecnologico.  Le IPO blockbuster poi stanno diventando la norma, e nel 2021 la più grande è quella della società rumena UiPath, che debutta a circa 35.6 miliardi di dollari dopo il giorno di apertura. Altre quotazioni pubbliche su larga scala sono state Auto1, Wise e Deliveroo, tutte con scambi sopra i 10 miliardi di dollari nel loro primo giorno.

Volano le aziende che fanno impatto sociale

Le aziende ‘purpose-driven’ costruiscono un futuro sostenibile per tutti affrontando uno o più SDGs, riporta Agi. Nei primi dieci paesi per numero di nuovi fondi circa la metà dei nuovi fondi VC raccolti nel 2021 hanno una politica ESG sul loro sito web. Il mercato tecnologico resta ancora indietro però sui temi della diversity. Le donne e le minoranze etniche hanno molte più difficoltà a raccogliere capitali rispetto agli uomini e alle persone bianche.
Nonostante le dimostrazioni che i team misti e diversificati hanno prestazioni migliori, questi hanno ottenuto solo il 9% del capitale raccolto nel 2021.

L’importanza di avere un’aria compressa pura

L’aria compressa che viene adoperata nei vari processi produttivi che riguardano sia la cantieristica su strada che il settore edile o direttamente le attività di produzione all’interno dei siti industriali, è fondamentale per consentire a diversi tipi di strumenti di lavoro di funzionare e dunque di velocizzare ogni tipo di processo produttivo.

Proprio data la sua importanza oggi è impensabile poter fare a meno dell’aria compressa, la quale deve comunque essere necessariamente libera da eventuali elementi nocivi o da sporcizie di ogni tipo.

Questo è un problema certamente non secondario, in quanto un aria compressa non perfettamente pulita è in grado sia di andare ad incidere negativamente sulla qualità del prodotto finale, che causare dei problemi agli stessi macchinari adoperati per la produzione.

Infatti, i macchinari possono andare a deteriorarsi progressivamente a causa dell’aria compressa non perfettamente pulita, fino a causare il blocco delle macchine con conseguente necessità di manodopera.

C’è un problema sia perché c’è effettivamente un fermo alle attività di produzione, che per il costo della stessa manodopera nonché di quello dei pezzi di ricambio. Si tratta chiaramente di una possibilità che è bene evitare proprio perché rimanere fermi in attesa dei pezzi di ricambio e della sostituzione necessaria comporta chiaramente una perdita economica per l’azienda.

Ecco perché è così importante fare in modo che l’aria compressa possa essere sempre ben sgombra da qualsiasi tipo di impurità e dunque non contaminata. In questa maniera ci saranno dei vantaggi notevoli sia per la qualità del prodotto finale che per i macchinari stessi.

I filtri per aria compressa

Tra i ricambi Atlas Copco vi sono a tal proposito a disposizione tantissimi tipi di filtri pensati appositamente per eliminare ogni tipo di impurità e residui dall’aria compressa. Parliamo nello specifico di acqua, olio e polvere, le sostanze che tipicamente è possibile trovare al suo interno.

Ogni filtro è pensato appositamente per soddisfare esigenze produttive specifiche, ed il compito finale è sempre quello di fare in modo che l’aria compressa possa essere perfettamente pura così da andare a preservare sia i macchinari, garantendone l’efficienza nel tempo, che la qualità del prodotto finale stesso.

Si tratta di filtri progettati appositamente per garantire a lungo il massimo delle prestazioni, e per questo motivo vengono ampiamente testati, anche da parte di società indipendenti, prima di entrare in commercio.

In questa maniera la loro qualità è sempre certificata e questo rappresenta certamente un’importante garanzia per i clienti. Dunque così è possibile mantenere sempre alta la qualità della propria produzione, e usufruire allora di migliori prestazioni offerte dai macchinari, le quali si traducono anche in consumi più bassi e migliore qualità generale del prodotto finale.

Si tratta per questo di una soluzione alla quale fare sicuramente ricorso per mantenere sempre alta la qualità della propria produzione con piena soddisfazione dei clienti.

Conclusione

Grazie a questi filtri il lavoro di chi gestisce un impianto industriale o cantiere di qualsiasi tipo diventa certamente molto più semplice. Migliora inoltre notevolmente la capacità di riuscire a migliorare la qualità della produzione, con relativa soddisfazione dei clienti.

È evidente dunque come sia inutile rischiare di andare ad effettuare le operazioni di produzione con un aria compressa non perfettamente pura, compromettendo il prodotto finale quando non i macchinari direttamente.

Al contrario, i vantaggi derivanti dall’utilizzo di appositi filtri appaiono come irrinunciabili a prescindere dal settore in cui si opera o dalla tipologia di prodotto sul quale si lavora.

Questo è il motivo per il quale sono tantissime le realtà industriali che hanno già dotato di questi particolari filtri i propri impianti.

Il mercato italiano dei Big Data Analytics

Dopo il rallentamento degli investimenti dovuto alla pandemia, nel 2021 il mercato dei Big Data Analytics raggiungerà un valore stimato superiore ai 2 miliardi di euro (+13%). Una crescita trainata soprattutto dalla componente software (+17%), e dai servizi di consulenza e personalizzazione tecnologica, mentre la spesa in risorse infrastrutturali aumenta meno della media del mercato. La ripresa coinvolge tutti i settori merceologici, con investimenti in Data Management & Analytics in aumento di oltre il 10%.
Assicurazioni, manifatturiero e telco&media sono i comparti a crescita più marcata, mentre un quinto degli investimenti in soluzioni di Analytics passa da servizi in Public&Hybrid Cloud (+21%). Si tratta di alcuni risultati della ricerca condotta dall’Osservatorio Big Data & Business Intelligence della School Management del Politecnico di Milano.

Crescono progetti e fabbisogno di competenze

Quasi otto grandi aziende su dieci lavora all’integrazione di dati provenienti da diverse fonti interne o esterne, e il 54% ha avviato almeno una sperimentazione in ambito Advanced Analytics. Insieme ai progetti cresce anche il fabbisogno di competenze: il numero di Data Scientist è aumentato nel 28% delle grandi imprese, ma questa crescita riguarda le aziende che già avevano investito negli scorsi anni. Di fatto, il 49% delle grandi aziende ha in organico almeno un Data Scientist e il 59% almeno un Data Engineer. Non aumenta però in modo trasversale la diffusione di figure professionali dedicate. Inoltre, nonostante i progressi dell’ultimo anno, soltanto il 27% delle realtà può definirsi un’azienda data science driven, con competenze diffuse e numerose sperimentazioni e progetti a regime in tutta l’organizzazione.

Le sperimentazioni di Advanced Analytics

Negli ultimi tre anni oltre la metà delle grandi imprese ha avviato almeno una sperimentazione in ambito Advanced Analytics (+8%), e circa quattro aziende su dieci hanno progetti operativi in almeno una funzione aziendale. Nella maggior parte dei casi però la diffusione è limitata ad alcune aree.
Le principali difficoltà riscontrate nella fase di implementazione sono la scarsa qualità e integrazione dei dati, la parziale mancanza di competenze interne, la difficoltà di valutare i benefici del singolo progetto, e il complesso coinvolgimento dell’utente di business. Solo il 27% del campione è data science driven, il 14% è in fase sperimentale, il 28% è ai ‘primi passi’, il 16% è consapevole, e il 15%, non è interessato.

Gli Analytics nelle Pmi

Il 44% delle Pmi ha investito in Analytics o prevede di farlo entro fine anno, e un altro 44% dichiara che la pandemia ha avuto un ruolo determinante nell’acquisire maggiore consapevolezza sulla necessità di valorizzare i dati a disposizione. Rispetto al 2020, però, non si notano progressi né per le tipologie di analisi dati sviluppate né per la gestione organizzativa dell’analisi dei dati, mentre aumenta l’impegno sugli investimenti tecnologici. E se la maggior parte delle Pmi oggi svolge analisi predittive (62%) le sperimentazioni di Advanced Analytics sono presenti solo nel 14%.

Gli italiani considerano la tecnologia utile per il progresso sociale e la tutela dell’ambiente

Non solo motore per lo sviluppo economico, ma anche per quello sociale: gli italiani vedono la tecnologia come una preziosa alleata per accorciare le diseguaglianze e pure per contribuire alla salvaguardia del pianeta. Sono stati Samsung e il Politecnico di Milano, con una ricerca dedicata a esplorare il sentiment dei nostri connazionali nei confronti delle nuove tecnologie, a tracciare il rapporto fra italiani e digitale. E i risultati sono davvero sorprendenti e positivi. In particolare, si scopre che il l 62% degli intervistati considera che il digitale possa contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale, il 49% lo reputa motore di progresso sociale e il 47% strumento per la riduzione delle disuguaglianze e la promozione di una società più inclusiva ed equa. Insomma, la tecnologie non è solo utile, ma è anche buona.

La smart home per tutelare l’ambiente

E’ anche interessante notare che, sempre secondo i risultati emersi dall’indagine, per molti nostri connazionali l’adozione di strumenti per la smart home vada di pari passo con la sostenibilità. Come riporta Ansa, la ricerca rivela che il 54% degli intervistati associa la casa intelligente alla possibilità di controllare e ridurre i consumi, il 37% ritiene che, grazie a una casa connessa, sia possibile rendere la propria vita domestica più sostenibile. Ma la sostenibilità è anche tra le caratteristiche ritenute più rilevanti per una città intelligente, perché per il 48% degli intervistati la Smart City deve rispecchiare l’idea di un luogo sostenibile nel pieno rispetto del pianeta e delle esigenze del singolo.

Salute e istruzione

Ancora, l’effetto positivo delle potenzialità delle nuove tecnologie si allarga alla salute e all’istruzione. Per gli italiani, il digitale è sempre più associato al miglioramento delle aspettative di vita attraverso strumenti per monitorare il benessere fisico e la salute e le tecnologie per la sicurezza personale. Tanto che il 58% degli italiani si dichiara interessato alla diffusione e all’utilizzo di strumenti tech per il monitoraggio della salute. Allo stesso modo, i nostri connazionali credono che la tecnologia sia la chiave di volta anche per una migliore istruzione, più capillare e più mirata. L’87% degli intervistati è fiducioso che la tecnologia impatterà positivamente la qualità dell’istruzione. Inoltre gli italiani auspicano un cambiamento radicale negli scenari didattici futuri:ad esempio il 30% del campione immagina una didattica dove la realtà aumentata consentirà di seguire lezioni in aula o da remoto completamente immersive e interattive.

Un “conducente” su 3 ha l’assicurazione per i monopattini elettici

Fra chi possiede un monopattino in molti sono propensi a tutelarsi, tanto che come emerge dall’indagine commissionata da Facile.it agli istituti mUp Research e Norstat, quasi 1 conducente su 3 ha già acquistato una copertura assicurativa. Il DL infrastrutture recentemente approvato ha introdotto diverse novità per i monopattini elettrici, ma il Governo ha deciso di non inserire l’obbligo di assicurazione, lasciando l’imposizione solo per le società di noleggio. Infatti, uno degli emendamenti al DL prevedeva l’introduzione dell’obbligo di assicurazione e casco, nonché di targa da apporre al mezzo, ma la proposta è stata bocciata.

Maggiori consensi tra chi non possiede né usa questo mezzo
Curiosamente, la proposta trova maggiori consensi tra chi non possiede né usa questo mezzo. In particolare, il 76,8% è d’accordo con l’obbligo di casco, il 70,3% con l’assicurazione e il 56,1% con la targa. Quanto a chi invece ha un monopattino, solo il 50,9% è favorevole all’introduzione del casco obbligatorio, il 36,8% all’assicurazione e il 31,6% alla targa. Sul fronte assicurativo, il 17,3% ha una copertura per eventuali infortuni alla guida, mentre il 16% ha una polizza per danni a terzi. Inoltre, il 30,7% sta valutando di sottoscrivere una copertura, mentre 1 su 5 non è a conoscenza di questi prodotti.

Problema sicurezza
Nonostante il crescente numero di monopattini in circolazione, a giudizio di chi si sposta con questo mezzo, le infrastrutture stradali sembrano ancora oggi inadeguate. Quasi 2 intervistati su 3 ritengono che gli spazi destinati all’uso del monopattino siano insufficienti e non adatti (64%), e la percentuale arriva addirittura al 71% al Sud e nelle Isole. Ma quanto sono diffusi i monopattini in Italia? Secondo l’indagine sono circa 2,5 milioni gli italiani che oggi lo utilizzano. Di questi, circa 1,9 milioni ne hanno uno di proprietà, mentre poco più di 600mila usano quelli a noleggio.

La diffusione dei monopattini in Italia
Il mezzo sembra aver conquistato tutti: uomini e donne lo usano in egual misura (7%), mentre quanto all’età del conducente è diffuso in modo particolare tra i giovani con età 25-34 anni e 18-24 anni. A livello territoriale, invece, il monopattino è utilizzato soprattutto tra i residenti nel Nord Ovest (9,6%), a fronte di una media nazionale pari al 7%. Una platea che nei prossimi anni potrebbe aumentare notevolmente, se si considera che 3,4 milioni di italiani hanno dichiarato di stare valutando la possibilità di acquistarne uno. Infatti il monopattino elettrico si sta consolidando sempre più come mezzo di trasporto per raggiungere il luogo di lavoro: oggi il 33% lo usa proprio per questa finalità, percentuale che arriva al 45% nei Comuni con oltre 100 mila abitanti.

Cancro al seno e tasso di sopravvivenza

Per quanto riguarda i tassi di sopravvivenza, distinguiamo fondamentalmente due  tipi  di cancro al seno:  cancro al seno iniziale  e  cancro al seno metastatico. La differenza  principale  è che  il carcinoma mammario iniziale  è quello che non si è diffuso oltre il seno o i linfonodi sotto l’ascella, mentre il carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico è quello che ha  metastatizzato  e si riproduce in altre parti del corpo.

Prognosi del cancro al seno precoce

Il  tasso di mortalità per cancro al seno in Italia è tra i più bassi in Europa. Nonostante ciò, esso continua a rappresentare il  17% di tutti i decessi per cancro delle donne  nel nostro Paese ed il 3,3% di tutti i decessi tra le donne in genere. Dunque si tratta di numeri che non vanno sottovalutati e sottolineiamo ancora una volta il ruolo importante che la prevenzione riveste.

Il tasso di  sopravvivenza al cancro al seno  è migliorato in modo esponenziale negli ultimi 20 anni  grazie ai progressi nell’anticipo delle diagnosi e nel trattamento precoce. In Italia,  la sopravvivenza globale a 5 anni  dalla diagnosi di questo tumore è  dell’87,8%.

Il tasso di sopravvivenza aumenta ancora di più quando si parla di  cancro al seno in fase iniziale, raggiungendo il  99% di sopravvivenza e l’  85%  quando si tratta di un  tumore “regionale”, cioè se il cancro si è diffuso al di fuori del seno alle strutture o ai linfonodi vicini.

Inoltre, va notato che l’età è un fattore importante da tenere in considerazione nel calcolo del tasso di mortalità, poiché la maggior parte dei decessi dovuti al cancro al seno si verifica in persone  di età superiore ai 75 anni.

Prognosi di carcinoma mammario metastatico

Di tutte le diagnosi di carcinoma mammario, solo nel 5-10% dei casi viene diagnosticato precocemente un  carcinoma mammario metastatico. Tuttavia, fino al 25% delle pazienti che aveva tale patologia localizzata al momento della diagnosi può finire per sviluppare metastasi nel corso degli anni.

Il carcinoma mammario avanzato nella maggior parte dei casi non può essere curato, pertanto l’obiettivo del trattamento è  aumentare gli anni di sopravvivenza con la migliore qualità della vita.

Negli ultimi anni si è osservato un netto  aumento della sopravvivenza a 5 anni dalla  diagnosi di metastasi. La sopravvivenza di queste pazienti è quasi raddoppiata, passando dal 20% al  38%  negli ultimi 20 anni. La sopravvivenza a 10 anni è invece quasi del 10%, dati che mostrano come la sopravvivenza al cancro metastatico sia sempre più prolungata.

È importante notare che questo tasso di sopravvivenza dipende da molti fattori e che il cancro al seno può essere trattato in qualsiasi momento. Inoltre, il trattamento del carcinoma mammario metastatico è in costante miglioramento ed è stato dimostrato che le donne che soffrono di questa malattia possono  vivere più a lungo e con una migliore qualità della vita.

L’importanza della prevenzione

Diventa sempre più importante dunque, sottolineare la necessità di individuare il cancro al seno nella sua fase iniziale e di recarsi periodicamente presso il proprio senologo Milano per un controllo annuale, genericamente a partire dai 30 anni di età in poi salvo condizioni particolari. Nei casi invece in cui ci sono già stati degli episodi di cancro al seno in famiglia, è bene iniziare questo tipo di visita a partire dai 25 anni di età.

In questa maniera si può avere la certezza di monitorare per bene la propria situazione e di avere la sicurezza di andare ad individuare tempestivamente eventuali problematiche che riguardano il seno, avendo così probabilità decisamente più alte che le cure abbiano successo e che queste siano poco invasive.

Didattica ibrida anche dopo la pandemia: i sogni degli studenti vs gli investimenti sbagliati delle università

Gli atenei non stanno investendo nelle giuste tecnologie per supportare la didattica in presenza e a distanza. E’ quanto emerge da una ricerca di Sony Professional Displays and Solutions, che evidenzia un grado decisamente alto di insoddisfazione da parte degli studenti. Quasi la  metà degli intervistati (il 49%) afferma infatti che l’attuale infrastruttura IT degli atenei non offre un’esperienza di qualità per la didattica ibrida o a distanza. Ciononostante, soltanto un terzo dei decision maker IT (ITDM) considera gli investimenti nelle tecnologie per la didattica a distanza una priorità assoluta.

Pochi investimenti nelle università, tanti da parte degli studenti
Dai risultati del sondaggio di Sony è emerso, inoltre, che la mancanza di investimenti costringe gli studenti a ricorrere a risorse proprie per colmare le lacune tecnologiche. Infatti, più dei tre quarti degli studenti (il 78%) hanno valutato la possibilità di acquistare a proprie spese gli strumenti necessari per l’apprendimento. E più del 65% ha investito fino a 578€  nell’anno scolastico in corso, con un evidente problema di disuguaglianza tra studenti, visto che non tutti si possono permettere gli strumenti migliori. Guardando al futuro, emerge con chiarezza che la didattica ibrida e quella a distanza non scompariranno, anzi. I dati mostrano che oltre i tre quarti degli studenti (79%) concordano che l’esperienza universitaria sarebbe migliore se venissero investite risorse nelle tecnologie per l’apprendimento online e ibrido. Oltre un terzo degli studenti (34%) si sente isolato e disconnesso dagli altri compagni, a ulteriore conferma della necessità di agevolare e supportare la collaborazione tra studenti attraverso la tecnologia sia per la didattica a distanza sia in presenza, aiutando gli studenti a sentirsi connessi.

L’importanza di modificare gli ambienti didattici
La grande maggioranza dei decision maker IT delle università europee concorda sul fatto che gli istituti devono supportare gli studenti modificando gli ambienti didattici (92%). Ma le loro priorità sono spesso lontane da quelle degli studenti. Ad esempio, oltre tre quarti (78%) degli studenti hanno affermato che la tecnologia AV, come display smart collaborativi e proiettori, sono importanti, mentre solo il 40% dei decision maker ha affermato di voler investire in queste tecnologie.
Per quanto riguarda l’ambiente di apprendimento, oltre un terzo (37%) degli studenti ha affermato di preferire la didattica in presenza, a fronte del 13% che predilige la modalità completamente a distanza. Tuttavia, più di un terzo degli ITDM ha indicato che la tecnologia per la didattica a distanza è la priorità assoluta al momento, con il 92% che afferma di voler investire nelle tecnologie per l’apprendimento da remoto.
“In Sony, riteniamo che la tecnologia sia fondamentale per rendere le lezioni più coinvolgenti, supportare i docenti e aiutare gli studenti a ottenere risultati migliori -, ha affermato Alexandra Parlour, Education Marketing Manager, Sony Professional Displays and Solutions -. Attraverso l’adozione di strumenti digitali semplici ma efficaci, gli atenei di tutto il mondo hanno la straordinaria possibilità non solo di garantire la continuità didattica, ma anche di restare competitivi”.